2  
  Affiliato  
   
 
Chiamaci con Skype
 
Moscova   Zara

  • Agenzia: Zara
    Zona: Milano Isola
    Canone €: 740,00
    Vani: N°1

 

AGEVOLAZIONI FISCALI PER GLI INQUILINI


Detrazioni fiscali per inquilini titolari di un qualsiasi contratto di locazione (Finanziaria 2008 – articolo 1, comma 9):

per i conduttori titolari di un contratto di locazione abitativa, stipulato in base alla legge 431/1998 e che utilizzano l’immobile come abitazione principale è prevista una detrazione sull’imposta dei redditi di 300,00 euro, se il reddito complessivo annuo del conduttore non supera i 15.493,71 euro e di 150,00 euro se il reddito complessivo supera 15.493,71 euro, ma non 30.987,41 euro

Detrazioni fiscali per i giovani (Finanziaria 2008 - articolo 1, comma 10):

per i giovani tra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto di locazione in base alla legge 431/1998, per l'unità immobiliare da destinare a propria abitazione principale, sempre che sia diversa da quella dei genitori o di coloro ai quali sono affidati per legge sarà possibile usufruire, per i primi tre anni, di una detrazione di 991,60 euro se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro e di 300,00 euro per redditi fino a 30.987,41 euro.

Detrazione per studenti fuori sede (Finanziaria 2007 + Finanziaria 2008 - articolo 1, comma 208):

detrazioni per i canoni di locazione derivanti dai contratti di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della legge 431/98, e successive modificazioni, dagli studenti iscritti a un corso di laurea presso una università ubicata in un comune diverso da quello di residenza, distante da quest'ultimo almeno 100 chilometri e comunque in una provincia diversa, per unità immobiliari situate nello stesso comune in cui ha sede l'università o in comuni limitrofi. La detrazione può essere fatta valere in sede di dichiarazione dei redditi dal genitore del quale lo studente è fiscalmente a carico, con la stessa modalità con cui già da tempo avviene per le tasse di iscrizione all’università, le spese mediche, e così via, per un importo pari al 19% dei canoni di affitto versati e comunque per una detrazione massima non superiore a 500,00 euro. La recente norma amplia l'ambito applicativo della detrazione Irpef del 19% relativa ai canoni di locazione stipulati da studenti universitari fuori sede. La detrazione viene estesa ai canoni relativi ai contratti di ospitalità e agli atti di assegnazione in godimento o locazione stipulati con enti di diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente  riconosciuti, enti senza fini di lucro e cooperative.

Detrazione per inquilini titolari di contratti a canone concordato (Testo unico delle imposte sui redditi - articolo 16, comma 01 - detrazioni per canoni di locazione):

gli intestatari di contratti di locazione 3 + 2 di immobili utilizzati come abitazione principale hanno diritto ad una detrazione dall’Irpef pari a:
495,80 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro;
247,90 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 ma comunque inferiore a 30.987,41 euro.
Se il reddito complessivo supera 30.987,41 euro, la detrazione non spetta.

Detrazioni per lavoratori dipendenti (Legge Finanziaria 2001, 22 dicembre 2000- articoli da 109 a 114):

i lavoratori dipendenti che stipulano un qualsiasi contratto di locazione di abitazione principale, a seguito di trasferimento della propria residenza per motivi di lavoro in un Comune a oltre 100 chilometri dal precedente e comunque al di fuori della propria regione. La detrazione, valida per i primi tre anni dal trasferimento è pari a:
991,60 euro se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro;
495,80 euro se il reddito è compreso fra 15.493,71 e 30.987,41 euro.
La detrazione va sempre rapportata al numero di giorni in cui si è utilizzato l’immobile come abitazione principale e suddivisa tra eventuali cointestatari dello stesso contratto. Le detrazioni non sono cumulabili, sono fissate su base annua e con riferimento al singolo contratto di affitto e il contribuente può scegliere di fruire di quella più favorevole. Per i soggetti incapienti, prevista, infine, l'attribuzione di una somma corrispondente all'importo della detrazione non fruito.

Contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione

Oltre a queste agevolazioni, si deve tener conto dell’esistenza di un Fondo, istituito della legge 431/98 di riforma del regime delle locazioni, che prevede, nell’articolo 1, decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, 7 giugno 1999 – attuativo dell’articolo 11, comma 4, legge 431/98 - "la concessione dei contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione, da effettuarsi sulla base di apposita graduatoria comunale ed assoggettata alla sussistenza di requisiti minimi riferiti al nucleo familiare del richiedente”. Un fondo sociale per le locazioni che
sostiene le famiglie più bisognose, ma che rimanda nello specifico alla politica abitativa adottata a livello comunale. Sono i Comuni, infatti, a gestire ed indire bandi per l’attribuzione dei fondi e definire criteri e modalità per l’assegnazione.

    Pro Domo copyright© 2008-2019  
  Milano V.le Zara, 147 telefono 02/89077343 fax 02/99985442
Milano via della Moscova, 51 telefono 02/36560233 fax 02/99985442
P.I. 04643570965